Musica in libreria: quali diritti pagare?

31 agosto 2018

Senza la musica di sottofondo la tua libreria non sarebbe la stessa, non trovi? Alcuni studi, poi, dimostrano che la musica di sottofondo possa arrivare a influenzare le decisioni di acquisto dei consumatori. Ecco quindi che avere un sottofondo musicale in libreria diventa quasi fondamentale.

Sì, ma a chi pagare i diritti?

Per diffondere musica nella nostra libreria legalmente, ai sensi della legge 633/1941, è necessario corrispondere il pagamento di due compensi distinti, che tutelano due differenti tipi di diritto: quello d’autore e il cosiddetto “diritto connesso”.

Diritto d’autore e diritto connesso

Il diritto d’autore è conosciuto a tutti e rappresenta il diritto allo “sfruttamento economico dell’opera d’ingegno, intesa in senso astratto, così come immaginata e composta”. È da corrispondere all’autore e/o all’editore del brano riprodotto.

Con diritto connesso si intende il diritto di sfruttamento economico della stessa opera (protetta dal diritto d’autore) registrata su un supporto fisico e/o digitale. È da corrispondere all’artista (che interpreta il testo scritto dall’autore) e al produttore discorafico.

Ci sono quattro figure coinvolte nella produzione e fruizione di un brano:

  • l’autore del testo del brano
  • l’editore del brano
  • l’artista che interpreta il brano
  • il produttore che commercializza il brano

Le figure che tutelano i diritti di autore e connesso

Sulla riproduzione di un brano musicale esistono almeno 4 soggetti interessati e 2 tipologie di diritti, gestiti da almeno due Enti di raccolta: i principali sono SIAE per il diritto d’autore e SCF per i diritti connessi.

Il diritto d’autore e SIAE

SIAE, insieme ad altre società, si occupa della gestione della raccolta del diritto d’autore. La licenza di SIAE è da corrispondere in base a vari parametri, come la metratura del locale, il numero e il tipo di apparecchi che riproducono musica. Qui trovi le tariffe di SIAE per la riproduzione di musica d’ambiente.

Per alcune categorie di esercizi commerciali, SIAE si occupa anche della raccolta del diritto connesso. Librerie e cartolibrerie, però, non rientrano tra queste categorie di esercizi.

SCF e il diritto connesso

La società incaricata di riscuotere il diritto connesso al diritto d’autore è SCF (quando non è riscosso direttamente da SIAE). Anche in questo caso la tariffa varia in base a numerosi fattori come la metratura del locale, il numero di diffusori, di radio o di apparecchi per riprodurre musica e il numero di TV. La tariffa varia anche in base al periodo di tempo: è possibile scegliere un abbonamento stagionale o annuale. Qui trovi la pagina per generare un preventivo su misura

Ecco come mettersi in regola con il pagamento dei diritti d’autore e connessi alla riproduzione di musica d’ambiente nella nostra libreria. Ricorda che per qualsiasi dubbio è possibile contattare direttamente SIAE che fornirà tutte le informazioni utili a mettersi in regola.

Recent posts